zero emissioni

In questi ultimi tempi il problema del rispetto ambientale è venuto sempre più alla ribalta e con esso diverse correnti di pensiero specie in merito al riscaldamento globale e le sue cause. Al di là di ogni teoria più o meno dimostrata, l’unico punto fermo è che l’inquinamento atmosferico non ha lati positivi, mentre il secondo è che il riscaldamento a fini residenziali è sicuramente una delle voci principali di inquinamento. Con la definizione “a zero emissioni” si intende un edificio per il cui utilizzo non vi siano emissioni in atmosfera.

www.sgfcostruzioni.com

gli impianti in progetto

www.sgfcostruzioni.com

riscaldamento a piastra radiante a pavimento a bassa temperatura

Il riscaldamento a piastra radiante a pavimento a bassa temperatura ha il grande vantaggio in abbinamento alle moderne pompe di calore di sfruttare il massimo rendimento di queste ultime al minimo costo.

La pompa di calore è la fonte di calore che sostituisce la classica caldaia a gas solitamente la più utilizzata. Il funzionamento della pompa di calore può essere in vari modi, nel nostro caso vengono installate con sistema aria/acqua, catturano il calore presente nell’aria e lo utilizzano con una scambiatore per scaldare l’acqua che viene poi mandata all’impianto radiante a pavimento.

Per fare in modo che il calore proveniente dal pavimento non crei problemi circolatori è necessario che la temperatura dell’acqua sia bassa, circa 35°, questa temperatura è anche la migliore per sfruttare la pompa di calore che, a questa temperatura può, a seconda dei modelli avere un coefficiente di resa COP anche di 4.7 a +7° esterni. Ciò vuol dire che con un consumo elettrico di 1 kw/h si ha un rendimento di 4,7 kw/h. il rendimento può scendere con l’abbassarsi della temperatura esterna per cui è indispensabile il maggior bilanciamento possibile tra coibentazione termica dell’edificio e corretto dimensionamento della pompa di calore.

La pompa di calore può inoltre essere utilizzata per il raffrescamento estivo, sia attraverso il pavimento o con un vero e proprio condizionamento tramite degli split idronici, cioè ad acqua, come opzional.

Sono previste pompe di calore di primaria marca tipo Panasonic Aquarea alta connettività o Maxa monoblocco o simili.

www.sgfcostruzioni.com

acs impianto acqua calda sanitaria ad alta temperatura

L’impianto dell’acqua calda sanitaria è indipendente con una seconda pompa di calore che consente l’ottimizzazione delle potenzialità richieste per i due impianti, inoltre possono lavorare contemporaneamente senza dover scegliere una prevalenza dell’impianto di riscaldamento sulla Acs o viceversa, questo impianto è previsto con un serbatoio di accumulo di litri 250.

ventilazione meccanica a recupero di calore vmc

L’impianto di ventilazione meccanica centralizzato con recupero di calore ad alta efficienza è composto da una unità centrale posizionata nel sottotetto. Aspira l’aria viziata dall’interno da bagni e cucine espellendola all’esterno, durante questo tragitto si sfrutta la temperatura ambiente di circa 20° di quest’aria per preriscaldare l’aria pulita ma fredda proveniente dall’esterno.

Questo impianto può essere integrato con una piastra radiante idronica alimentata dalla pompa di calore al fine di raffreddare e deumidificare l’aria pulita immessa, nel caso si voglia sfruttare la possibilità della pompa di calore di lavorare anche in freddo nel periodo estivo, l’impianto radiante a pavimento viene alimentato con acqua raffreddata a circa 18 gradi, mentre la batteria del freddo sulla vmc viene alimentata con acqua a 7 gradi per il controllo dell’umidità ambiente, in questi casi si può installare un sistema Zehnder per il controllo della temperatura e umidità,